Social media marketing

Di cosa si tratta?

Gli utenti dei social network rappresentano un segmento di internet in crescita esponenziale, ad oggi ci sono milioni di aziende che utilizzano il web per promuovere la loro attività sfruttando il potere di questo ambiente online così frequentato. Si tratta di Social Media Marketing: una serie di tecniche che sfruttano i social media e le nuove tecnologie digitali per promuovere i prodotti e servizi di un’impresa. Un budget contenuto investito in questo tipo di attività permette di ottenere grandi risultati. Come? una delle loro principali caratteristiche è la scalabilità: ogni singolo contenuto postato online può raggiungere una quantità incredibile di persone, amplificando sia i messaggi positivi che quelli negativi. Abbiamo quindi a che fare con un’opportunità enorme che va sfruttata con attenzione.

È da notare che ci troviamo nell’immenso panorama del web 2.0, dove ogni utente aggiunge valore al prodotto finale. Il tradizionale marketing mix prevede una strategia basata su quattro P: prodotto, prezzo, promozione e punto vendita. I social media introducono una quinta P, la partecipazione. La comunicazione delle aziende non è più focalizzata su una logica top-down, ma mette i consumatori in primo piano tramite una strategia bottom-up. Il consumatore è re, per questo si parla sempre più spesso di sfruttare lo User Generated Content (UGC). Gli utenti sono alla base di questo sistema perché attivano un passaparola online che coinvolge tutto il loro network. Ogni like, commento o condivisione è prezioso per l’azienda. 

In cosa differisce dal marketing tradizionale?

Va sottolineato che il Social Media Marketing è una branca del marketing tradizionale, pertanto non lo sostituisce. Si tratta di attività che lo affiancano e lo integrano, andando in qualche modo a completarlo. Chiarito questo concetto, ecco le principali differenze:

  • Il marketing tradizionale opera tramite i mass media, che diffondono i messaggi ad un pubblico vasto e non omogeneo. Il contenuto non deve essere troppo mirato, proprio perché le persone raggiunte sono sconosciute. I social media, al contrario, sono in grado di lavorare su specifiche nicchie di persone che rispondono ad una serie di parametri ben definiti.
  • L’orientamento push del marketing tradizionale viene sostituito da dinamiche pull. Non si tratta più di spingere (push) il prodotto verso i clienti, saranno loro stessi ad essere attirati (pull) dal prodotto.
  • La messaggistica outbound che interrompe le attività del pubblico viene sostituita dall’inbound marketing, che attira i consumatori con contenuti su misura corrispondenti ai loro effettivi interessi.
  • La ricezione passiva dei messaggi si trasforma in dialogo, partecipazione e interattività.

Come fare?

Per fare Social Media Marketing è necessario elaborare una strategia. Identificare il target di riferimento è il primo passo che permette di capire quale è il giusto tone of voice da utilizzare per comunicare. È importante stabilire obiettivi di marketing ben precisi, che possono essere:

  • Generare lead, cioè persone effettivamente interessate a ciò che l’azienda offre.
  • Aumentare l’engagement, cioè il coinvolgimento dei consumatori.
  • Aumentare la notorietà del brand.
  • Influenzare il desiderio dei consumatori, come accade per la pubblicità tradizionale.
  • Pubblicizzare le promozioni attive in un particolare punto vendita o il punto vendita stesso.
  • Facilitare l’acquisto di un bene o servizio mostrandone le caratteristiche e l’utilità.
  • Consolidare la fedeltà al brand tramite la presenza attiva sui social.
  • CRM: gestire in tempo reale la relazione con i consumatori. I social sono un mezzo prezioso per rispondere ad eventuali domande, critiche o richieste di informazioni.
  • Altro
Suggerimenti pratici

Osservare le attività online dei competitor può essere molto utile per elaborare una strategia originale ed efficace. A questo punto del progetto sarebbe bene stabilire un budget e identificare i canali da sfruttare: Facebook, Instagram, YouTube, Twitter, Pinterest, LinkedIn… Come si scelgono? In base al messaggio da veicolare e al pubblico da raggiungere. Le attività più strutturate vantano di un team con specifici ruoli: social media marketing manager, social media editor, social media strategist, social media analyst… ognuno di loro ha un compito ben definito. Queste persone non si occupano soltanto dello sviluppo della strategia ma monitorano il target durante tutta la campagna per apportare, se necessario, delle correzioni alla strategia iniziale.

Non abbiamo ancora parlato della parte più importante: quella dei contenuti. Come abbiamo spiegato nell’articolo sull’inbound marketing è necessario allineare i contenuti agli interessi degli utenti. Bisogna proporre temi interessanti e coinvolgenti, adatti al target di riferimento. Il contenuto è di cruciale importanza: è ciò che effettivamente si da in pasto all’utente. Se è banale o non chiaro, non avrà effetti. Se è inappropriato, avrà effetti negativi. 

Adottare il giusto supporto

Per raggiungere buoni risultati vengono sfruttate anche tecniche di SEM: il Search Engine Marketing è un ramo del marketing digitale legato ai motori di ricerca e comprende tutte quelle attività volte a generare traffico verso un sito. È basato sull’utilizzo di parole chiave. Al suo interno racchiude:

  • SEO: è l’acronimo di Search Engine Optimization o ottimizzazione per i motori di ricerca. Comprende una serie di attività finalizzate ad ottenere visibilità, in modo da raggiungere un migliore posizionamento nella SERP (pagina dei risultati del motore di ricerca). I primi risultati che compaiono a fronte di una ricerca sono quelli che verranno cliccati con maggiore probabilità. Si tratta di dati importanti, ma è necessario leggerli in un contesto globale, come parte di una strategia più ampia. 
  • SEA: Search Engine Advertising. Sono campagne promozionali a pagamento che sfruttano gli strumenti offerti dai motori di ricerca. È una tecnica complementare alla SEO e viene anche chiamata Keyword advertising. Consente di raggiungere più facilmente il target perché gli annunci vengono pubblicati in modo mirato in base alle ricerche degli utenti. La pubblicità indesiderata sarà solo un ricordo.
  • SMO o Social Media Optimization.  Questo termine indica l’utilizzo dei social network per supportare le attività volte ad indirizzare gli utenti verso una determinata pagina web, o comunque per attività di marketing.

Elaborare la strategia perfetta

Il nostro lavoro si basa su un continuo aggiornamento di mezzi e competenze: il digital marketing può sembrare semplice ed intuitivo, tanto da pensare che potenzialmente chiunque potrebbe progettare una strategia per i canali social, ma senza le giuste conoscenze e senza il supporto di piattaforme adeguate i risultati sarebbero deludenti. Al giorno d’oggi ogni azienda dovrebbe dare ai social media una possibilità: la potenza di questi strumenti è enorme. Iniziare da zero significa avere pazienza e costanza nella gestione dei contenuti, ci vogliono attenzione e perseveranza se si vogliono ottenere risultati concreti. Si tratta soltanto di rompere il ghiaccio, una volta che la pagina social avrà ottenuto visibilità, i risultati non tarderanno!

Per una consulenza o un preventivo gratuito contattaci senza impegno al numero 035 19966804 oppure scrivici qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento